Con la Ludoteca.it Internet è un gioco!

Anche quest’anno la Ludoteca .it – www.ludotecaregistro.it – parteciperà ad ABCD.  L’esperienza dell’anno scorso ha portato fortuna: è stata preziosa per ampliare il raggio d’azione e confrontarsi con tanti professionisti della didattica.

 

Il ritorno porta interessanti novità. A partire dal lancio in anteprima di un nuovo prodotto multimediale compatibile con Lim per affrontare in classe i temi della Rete e della sicurezza online. I contenuti ruotano intorno a queste tre macro aree: come funziona Internet, utilizzo consapevole, le opportunità della Rete. Le lezioni prevedono una parte di spiegazione e una di gioco, con l’inserimento di video, mappe interattive e cartoni animati. In una logica quindi multimodale, in perfetta sintonia con le abitudini dei nativi digitali. La metafora che unisce i vari argomenti è la città, adatta a spiegare contesti micro e macro, da Internet come rete mondiale, a “Internet delle cose”, dentro le case e la famiglia, introducendo anche il concetto di “cittadino digitale”. Visitando lo stand, gli insegnanti avranno la possibilità di testare questo strumento e tutte le sue ampie potenzialità con il supporto dei nostri educatori. E ancora, per i fan del Prof. Ittì, la presentazione di un nuovo cartone animato della serie “Navighiamo sicuri con il Prof. Ittì” dedicato alla tutela del diritto d’autore su internet, un tema complesso da spiegare ai bambini che però, già alle primarie, pubblicano e scaricano contenuti di ogni tipo. Questo è uno dei dati emersi dai questionari somministrato nelle classi durante l’anno scolastico 2013/14, utili per capire le abitudini e i comportamenti dei bambini che utilizzano Internet. ABCD sarà l’occasione per presentare nel dettaglio i dati raccolti in oltre 70 classi.

 

Quali sono gli obiettivi e i punti di forza del progetto?

 

La Ludoteca nasce nel 2011 per iniziativa del Registro.it, anagrafe dei domini .it che opera all’interno dell’Istituto di Informatica e Telematica (IIT) del CNR di Pisa. Forte di questa funzione e grazie al contributo dello IIT, il Registro ha deciso di guardare alle giovani generazioni, in particolare ai bambini delle scuole primarie, con l’obiettivo di diffondere l’utilizzo consapevole e sicuro della Rete Internet. Al momento la Ludoteca ha incontrato più di 70 classi di scuole primarie e oltre 1500 i bambini, in Toscana, Liguria, Veneto, Marche. L’iniziativa ha ottenuto anche il Patrocinio del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza.

 

Al centro del progetto ci sono il gioco e il coinvolgimento attivo dei bambini, un modo per rompere lo schema rigido della lezione frontale. Il percorso propone un viaggio alla scoperta della Rete su un doppio binario, i suoi meccanismi di funzionamento e le problematiche di utilizzo. Si parte dall’infrastruttura di base (linguaggio binario, trasmissione dell’informazione a pacchetto), spiegata a parole ma anche con divertenti giochi di gruppo, per parlare in seguito di utilizzo sicuro (virus informatici, tutela della privacy, furto di identità, difesa del copyright). L’approccio è positivo, cerchiamo sempre di evidenziare le grandi risorse e opportunità di Internet piuttosto che gli aspetti negativi e i fattori di rischio. I temi della sicurezza online (furto identità, virus informatici, tutela privacy, attendibilità contenuti online) sono introdotti dalla serie dei cartoni animati “Navighiamo sicuri con il Prof. Ittì”, interamente realizzata in house dal Registro.it. Il prof. Ittì, uno scienziato stravagante esperto di Internet e informatica, diventa una vera e propria guida per i bambini, anche perché buona parte dell’immagine coordinata del progetto ruota intorno a questa figura (enigmistica per bambini, stickers, poster ecc). Sul piano degli strumenti la Ludoteca propone anche una fase 2.0, in cui i bambini utilizzano dei tablet per rielaborare i temi delle lezioni, scrivendo, disegnando, facendo foto.  La scelta di tornare ad ABCD nasce dalla consapevolezza che occorre lavorare ancora molto, non solo sul piano della riduzione del digital divide, ma anche della diffusione di una “cultura di Internet”, già dalle primarie. E’ cruciale per un’iniziativa come questa, tra l’altro completamente gratuita, avere la possibilità di entrare in contatto con un alto numero di insegnanti e formatori, provenienti da tutta Italia.

Le presenze del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del MIBACT e del MIUR ad ABCD

min lavoro

Logo_Mibact

Logo_Miur

Ultime news

Logo_Genova