Palazzo Besta a Teglio (SO) – Lombardia

         
   
               

Palazzo Besta è una splendida casa-museo situata nell’antico borgo montano di Teglio, sul versante retico della Valtellina. La Valtellina è stata nei secoli crocevia di popoli e dal 1512 al 1797 è stata annessa ai Grigioni, uno dei cantoni dell’attuale Svizzera.

L’edificio fu costruito a partire dalla metà del XVI secolo per volere di Azzo I Besta, su modello dei palazzi delle grandi signorie del tempo. Fu completato dal figlio Azzo II, che vi tenne una piccola corte dove s’intrattenevano artisti, letterati e filosofi.
Nel XVIII secolo il Palazzo divenne proprietà della famiglia Morelli, che fece costruire due “stue” in legno, denominate anche sale d’inverno.
Nel corso del XIX secolo il Palazzo fu smembrato tra diversi proprietari e utilizzato come edificio di campagna. Nel 1913, ormai in stato di abbandono, fu acquistato dallo Stato Italiano che ne intraprese i lavori di restauro, ultimati nel 1927.

Dal 2008 le scuole di Teglio hanno adottato Palazzo Besta nell’ambito del progetto nazionale “La scuola adotta un monumento”, realizzando ogni anno  un vasto programma di iniziative culturali, ti aspettiamo!.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COSA POTRAI VISITARE NEL MUSEO?

Varcato l’elegante portale rinascimentale d’ingresso entrerai in un bel cortile porticato, dove sopra le colonne vedrai raffigurate le storie dell’Eneide. Salendo lo scalone ti troverai nel loggiato, da dove puoi accedere alle stanze di rappresentanza dei piani superiori, ricche di decorazioni.

 

 

Non devi perdere il Salone d’Onore, dove alle pareti potrai ammirare episodi dell’Orlando Furioso, ne sono raffigurati 21, come quello del viaggio del Duca Astolfo, che accompagnato da San Giovanni sul carro di fuoco di Elia va a recuperare il senno perduto del paladino Orlando sulla luna, dove vanno a finire tutte le cose perdute dagli uomini. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 LO SAPEVI CHE …?

Le “stue” del palazzo sono ambienti interamente rivestiti in legno di pino cembro e contengono ancora le antiche “pigne” in pietra decorata, che servivano per riscaldare gli ambienti nei mesi invernali.  Al secondo piano dell’edificio troverai una rara e antica “stua” a baule.

 

Nel palazzo è stata ricostruita la falconiera dei Besta, dove alloggiavano i falchi addestrati utilizzati per le battute di caccia. Nel loggiato del Palazzo si conserva la tomba del falco prediletto di Azzo II.

 

Inoltre, ti incuriosirà molto la Sala della Creazione, così denominata per il ciclo di affreschi ispirati alle storie della Genesi. In una delle sue volte è dipinta la mappa del mondo conosciuto nel XVI secolo!

_____________________________________________________________________________________

INFO:
Servizio educativo: Ivana Novani, Silvia Zanzani 
Mail .ivana.novani@beniculturali.it
tel 02 80294263 (lun.merc.ven.) – 02 86313228 (mart.giov.)
Link  di riferimento:
http://www.architettonicimilano.lombardia.beniculturali.it/ 

 

 

Le presenze del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del MIBACT e del MIUR ad ABCD

min lavoro

Logo_Mibact

Logo_Miur

Ultime news

Logo_Genova