Rekordata S.r.l. ad Abcd 2013

 

D    quali sono state le motivazioni che vi hanno portato alla decisione di partecipare ad ABCD + Orientamenti?

 

R    La scuola attraversa un momento nel quale si interroga sul cambiamento di molti scenari, sociali, didattici e tecnologici.
Molti insegnanti, presidi e istituzioni, si stanno quindi ponendo una serie di domande su come affrontare questi cambiamenti, del quali sono molto più consapevoli di quelli intercorsi negli anni ’90, quando si è avvenuto il primo ciclo di informatizzazione.
Noi abbiamo deciso quindi di partecipare a questa importante fiera per progettare insieme a loro la risposta a questi nuovi scenari aiutando la scuola, gli insegnanti e gli studenti, ad avere il loro successo.
Quello che possiamo fare è aiutare tutti loro a capire meglio come le nuovissime tecnologie mobili possono essere integrate nei sistemi di apprendimento nel migliore dei modi.

 

D    quali novità troveranno I visitatori del vostro stand?

 

R    Tutto ruota intorno al concetto di multicanalità: pochi anni fa esistevano solamente i giornali e le televisioni, oggi invece cercare informazioni, distribuirle, studiare e conoscere significa avere a che fare con tanti strumenti e canali, che distribuiscono questi contenuti. Andiamo dai podcast ad iTunes U, cellulari, tablet, iPad, computer, internet, YouTube, Vimeo, PDF, iBook, multi-touch book. Siamo di fronte ad una moltiplicazione eccezionale. Pertanto dobbiamo aiutare gli insegnanti e gli studenti a orientarsi, ad avere un accesso corretto alle fonti, a sviluppare un pensiero critico e quindi a trasformare tutto questo vasto mondo in un’opportunità didattica concreta. Abbiamo bisogno di uno strumento idoneo, che dev’essere uno strumento che integri tutti i canali possibili, per consentirne la rielabolazione ed un approccio critico: questo strumento oggi esiste e si chiama iPad. È l’unico strumento che consente di operare in questo modo e quindi è il miglior supporto didattico che uno studente e un insegnante possano avere. Noi presenteremo iPad, le sue applicazioni e soprattutto le metodologie didattiche più interessanti che nel corso degli anni, a livello internazionale, sono state sviluppate per mettere in condizione la scuola di affrontare la complessità del mondo e dei cambiamenti a cui si trova di fronte.

 

D    quali sono le vostre aspettative per il 2014?

 

R    Le nostre aspettative derivano da ciò che è stato seminato nel corso di questi anni. E che cosa è stato seminato? Nel nostro paese c’è stata una larga diffusione di strumenti mobili, il cui perno è stato l’iPad.
Abbiamo un bagaglio pieno di esperienze dirette sul campo, metodologie provate e sperimentate, decine di migliaia di applicazioni nuove che sono sorte per aiutare gli insegnanti e gli studenti a operare meglio.
Nel 2014 noi ci aspettiamo quindi che questo terreno si allarghi e investa l’istituzione scolastica nel suo complesso, perchè il problema del cambiamento e del miglioramento dell’apprendimento non può essere relegato a una sperimentazione ma dev’essere istituzionale..tutta la scuola deve cambiare!

 

D    il 2013 è l’anniversario del discorso di Martin L.King “I have a Dream”, stiamo chiedendo a tutti di raccontarci il loro sogno in relazione all’educazione, al lavoro o all’essere cittadini in Italia.

 

R    Il nostro sogno è che la tecnologia e le informazioni non siano uno strumento di discriminazione sociale e culturale.
Il nostro sogno è che tutti i cittadini possano avere uguale accesso e opportunità nei confronti della cultura e delle conoscenze e che quindi possano avere gli strumenti migliori disponibili.
Il nostro sogno è che si comprenda che la scuola è la parte viva più importante della nazione e che si investa massicciamente affinchè le scuole abbiano le migliori dotazioni possibili.
Il nostro sogno è che l’Italia ribadisca il suo ruolo di riferimento culturale Europeo.

 

 

Le presenze del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del MIBACT e del MIUR ad ABCD

min lavoro

Logo_Mibact

Logo_Miur

Ultime news

Logo_Genova