Solidarietà per l’Emilia-Romagna

È da inizio giugno che all’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna giungono numerose richieste da scuole e associazioni di tutta Italia, per individuare istituzioni scolastiche delle province colpite dal sisma, cui portare un concreto aiuto: dalla raccolta fondi, all’ospitalità, dal gemellaggio alle borse di studio. Richieste che hanno trovato risposta in “Adotta una scuola”, un progetto lanciato dallo stesso Ufficio Scolastico Regionale e che ha riscosso un notevole successo, anche in tempo di vacanze.

Dalle pagine de Il Sole 24 Ore di lunedì 3 settembre veniamo a scoprire alcune delle iniziative più creative: bomboniere solidali, canzoni rap vendute in rete, concerti di giovani cantanti improvvisati e adozioni che vanno oltre i confini italiani, per arrivare in Germania, Olanda, Svizzera e Giappone. Gesti di generosità che hanno portato ad avere quasi 200 adozioni.

Per mettersi direttamente in contatto con una scuola terremotata e fare la propria donazione, in denaro, libri e personal computer, basta scrivere a questo indirizzo e-mail: adottaunascuola@istruzioneer.it.
“Adotta una scuola” non mira a ricostruire le mura, ma intende portare sostegni alla didattica, in un rapporto diretto con la scuola indicata, che fornisce in maniera trasparente le proprie coordinate al donatore.
Per maggiori informazioni: http://ww2.istruzioneer.it/2012/06/05/adotta-una-scuola/

 

Le presenze del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del MIBACT e del MIUR ad ABCD

min lavoro

Logo_Mibact

Logo_Miur

Ultime news

Logo_Genova