Vivi il sogno

logo Museo FerrariLa Ferrari è un sogno. Un sogno raggiunto per chi la compra, ed un sogno per chi la vede anche se non potrà permettersela. Ma i sogni sono così, sono fatti di sentimenti, di fantasia e di magia.
Essere ad ABCD per noi vuol dire invitare i ragazzi e gli insegnanti a riflettere su cosa la Ferrari rappresenti. Soprattutto su cosa rappresenti per noi italiani.
La Ferrari, infatti, è un esempio nel mondo di cosa l’Italia possa essere capace. Siamo un paese magico con risorse infinite che ci ostiniamo a mortificare. E proprio i ragazzi ne pagano più spesso le conseguenze.
Invece tutti possiamo partecipare al sogno di un’Italia orgogliosa e vincente , quello che sentiamo dentro ascoltando l’inno di Mameli sotto il podio dei Gran Premi e quello che viene dall’entusiasmo e dalla felicità che dimostrano i clienti Ferrai negli oltre sessanta paesi al mondo dove viene venduta.

 

Il Museo Ferrari, che rappresenta formalmente l’Azienda, è a Genova perché vuole contribuire al futuro dei nostri ragazzi. Per questo ha preparato, in aggiunta alla classica visita che resta un’esperienza imperdibile, anche la possibilità di aderire ad un programma di incontri chiamati Red Campus, che propongono temi di interesse formativo e didattico.

 

Se la visita al Museo di Maranello durante le gite scolastiche è un modo certo per capire come la tecnologia e l’ingegno uniti all’arte del design ed agli strumenti della comunicazione e del marketing, siano la chiave per un successo certo, la partecipazione ai Red Campus è un modo per approfondire i temi principali di questa catena.

 

Il Museo è un’esperienza che si presenta sotto il titolo di “vivi il sogno, live the dream” perché non si limita a presentare modelli di ieri e di oggi, sia monoposto di Formula 1 che vetture stradali, ma garantisce gli approfondimenti tecnici e le esperienze dirette che possono arrivare, per chi lo desideri, anche alla guida di una Formula 1 sulla pista di Monza, su un simulatore semiprofessionale.

 

Di per sé, quindi, una visita interessante e ricca che può essere abbinata ad altre esperienze di territorio. A tale proposito possono essere offerti pacchetti che includono anche la visita ad un’acetaia tradizionale e ad un caseificio del Parmigiano Reggiano.

 

logo red campusAlla visita, però, come dicevamo, può essere abbinata, all’interno del Museo, una sessione di Red Campus. La durata è di un’ora e la lezione è tenuta da un tecnico esperto della materia scelta.
Durante la lezione vengono utilizzati parti reali delle vetture da competizione, filmati e dimostrazioni fatte sulla base di esercizi interattivi cui i ragazzi possono aderire.

 

L’offerta tiene conto dell’età e del livello scolastico. Per i più piccoli, fino ai 10/12 anni, è previsto lo Junior Red Campus: formula emozioni che è trasversale e tocca, in modo semplice ed educativo, i temi principali che legano il sogno Ferrari alla attualità del risparmio energetico e della sicurezza attiva e passiva. L’esposizione tocca i seguenti punti:

 

red campusIl desiderio della sfida: le prime corse senza sicurezza. Il mito della velocità nel futurismo. Lo spirito dei combattenti dell’aria. Il cavallino e Francesco Baracca. Le grandi tappe del dopoguerra per arrivare all’automobilismo di oggi ( motore anteriore/posteriore), distribuzione pesi, baricentro,  il motore centrale – dal telaio alla monoscocca – la scoperta dell’aerodinamica – il progresso dei pneumatici – i sempre più sofisticati sistemi di sicurezza.
I segni dell’emozione. I colori, il rosso Ferrari, dal rumore al suono studiato del motore.  
I motori dall’endotermico all’elettrico, la grande riduzione di consumi ed emissioni sperimentata da Ferrari coi suoi motori ad alta tecnologia. La nuova Formula 1 con motori più piccoli, sovralimentazione e kers, verso l’auto di domani.
L’emozione della realtà di un GP: strategie e scelte durante la corsa in diretta coi piloti.
L’apporto dato dalle corse alla sicurezza: posizione di guida ed ergonomia, il cambio tipo F1, la monoscocca, cancellato il terrore del fuoco.
Gli insegnamenti per l’auto stradale. L’auto di domani.

 

Per i ragazzi più adulti sono disponibili una serie di “Graduate Red Campus” su temi diversi in funzione del tipo di scuola e studi:

1 – Formula team.

  • Il team organizzato fa la differenza: esame dettagliato del pit stop. La storia dei pit stop come dimostrazione di come, osservando cosa fanno i competitors, si può “inventare il progresso”.
  • Il Remote garage: simulazioni e integrazione della realtà in pista con lo studio a distanza.
  • Condizioni di lavoro e rendimento: la linea di produzione delle Ferrari California e 458 Italia e le posizioni delle vetture in funzione del tipo di lavoro richiesto ai tecnici. Qualità del proprio lavoro e qualità del lavoro di gruppo, uguale qualità finale.
  • L’organizzazione del lavoro in Ferrari settore per settore.
  • Preparazione fisica e mentale: dalla preparazione di piloti e meccanici, al lavoro in palestra (formula Uomo). Alimentazione, fisioterapia ed analisi mediche sistematiche.

2 – Dinamica auto: motore e motori.

  • Il motore a combustione interna – la sovralimentazione con compressore (pre e post bellico) – il lungo periodo dell’aspirato – rivoluzione Turbo (Renault, Ferrari, BMW anni 80): potenza e problemi. – L’iniezione diretta, i sistemi attuali di multiaccensione, l’aspirazione a geometria variabile, la gestione dei pompaggi e dell’olio nel basamento – il tema dell’elettrico – l’elettrico come Kers – il dilemma delle batterie – l’evoluzione dell’elettronica ed il ritorno del Turbo unito al recupero dell’energia: il nuovo V6 di Formula 1 per il 2014.

3 – Dinamica Auto: veicolo ed aerodinamica.

  • Non bastano potenti buoi a tirare il carro. Motore centrale, distribuzione pesi e zavorre. La folle corsa alla leggerezza negli anni 60 e la saggezza di Enzo Ferrari. Il lungo cammino dell’aerodinamica: alettoni, il fondo piatto, minigonne ed effetto suolo, il ventilatore subito vietato, l’uso dei gas di scarico per l’effetto suolo, la lotta al millesimo ad ogni GP.
  • L’aerodinamica in strada: lo studio de LaFerrari e della  458 Speciale partendo dal nolder applicato nel 1962 alla 250 GTO.
  • Efficienza del veicolo e supporti di un sistema nervoso centrale costituito dall’elettronica, al servizio delle principali funzioni dell’auto: ABS, Traction Control, E Dif ecc. Il Manettino e la scuola del volante F1.

4 – Design: dall’estetica alla funzione, dalla funzione all’estetica.

  • 1900: carrozze a motore e le prime intuizioni dell’aerodinamica; il meraviglioso design ispirato alla fantasia degli anni 60; il lato B perde le rotondità (code tronche e spoiler); la grande storia dello stile Ferrari tra Pininfarina e Ferrari Design; il briefing, i vincoli, la creazione, la verifica; ingegneri designer e designer ingegneri
  • aria fuori, aria sotto (F355); aria dentro che attraversa la vettura: la scienza della bellezza.
  • Family feeling: è un must? Per Ferrari no. Perché.

5 – Marketing oggi e domani. Tutti vendono auto, la Ferrari vende un sogno.

  • Mister Lever e il suo sapone. Henry Ford ed il modello T . Marchio e posizionamento ( gioco di associazione marchi/posizionamento). Il paradosso dell’overdose di marketing: “le auto oggi sono tutte uguali”. Prodotti ed anima. La necessità del diverso. Apple, Nespresso, Ladure, Ikea: idee basate sulla potenza della strategia e sulla diversità. Ferrari è stata la prima ad intuire la forza del diverso nel marketing : un’idea nata dal sogno di un uomo e perseguita con una coerenza tanto esemplare da trasformare le automobili in un sogno per il mondo intero.
  • California ed FF
  • 458 Italia, Spider e Speciale e F12 Berlinetta
  • La Ferrari. La Summa.

Tra l’altro Red Campus è offerto anche agli adulti, sotto forma di Master della durata di mezza giornata.

 

Il servizio Marketing del Museo Ferrari di Maranello è disponibile ad ABCD per dare tutto il supporto a scuole ed insegnanti interessati a prenotare semplici visite al Museo o programmi più vasti che includano anche il Red Campus più adatto alla tipologia di studenti.

 

Le presenze del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del MIBACT e del MIUR ad ABCD

min lavoro

Logo_Mibact

Logo_Miur

Ultime news

Logo_Genova